Bernie ha capito come parlare ai giovani dicendo cose di sinistra. E i leader italiani?

Lo scorso 14 novembre a Bologna si è tenuto l’evento molto partecipato del Movimento delle sardine, che passa da una foto con Toscani e Benetton a un concertone in stile primo maggio dei tempi che furono. La cosa che mi ha colpito quando ho letto di questa sorta di festa de L’Unità senza bandiere politiche – perché è solo un movimento, non ce lo dimentichiamo –, meno canne e più boyscout, è stata leggere della presenza di band come i Modena City Ramblers. C’erano anche gli Afterhours, gli Skiantos e Guccini, ma la presenza del gruppo colonna sonora per eccellenza delle manifestazioni dei primi anni Zero contro la Moratti ha riportato a galla in me un misto di malinconia, senso di vecchiaia e anche un certo scetticismo cinico.

Non ho nulla contro i Modena City Ramblers, contro il vino in bottiglia di plastica, contro le Etnies e la kefiah lercia: sono parte della mia adolescenza e non le rinnegherei per nulla al mondo, né svaluto il loro valore simbolico per quella sinistra tardo novecentesca non ancora imbevuta di toni liberal. Mi sembra solo paradossale che nel frattempo, dall’altra parte dell’Oceano Atlantico, un settantenne newyorkese di origini ebraiche e con una salute anche piuttosto precaria stia portando avanti dal 2016 una campagna elettorale per diventare il candidato democratico alla presidenza degli Stati Uniti, in un mix di cultura pop, meme, socialismo e coolness da rivoluzionario anni Settanta. Perché Bernie Sanders non solo è un socialista che vuole cambiare la storia del suo Paese, ma è anche un mix esplosivo di questi elementi.

the-vision-partito-democratico-sanders

Mi sento quasi in colpa, ripensando alla storia della sinistra italiana, a Gramsci, al Pci, alle correnti extraparlamentari, a personaggi come Palmiro Togliatti o al gruppo che fondò Il Manifesto – all’influenza che ha avuto nella storia del nostro Paese, positiva o negativa che sia –, a dichiarare quello che sto pensando ora, ma non si può tacere per sempre. Non si può superare l’ormai famoso meme che irride le disfatte della sinistra degli ultimi tempi “La sinistra riparta da…” senza rendersi conto che il Partito democratico italiano pensava ancora nel 2008 che utilizzare la canzone dei Village People YMCA – sostituendo il testo originale con un elogio a Walter Veltroni e intitolandola I’m Pd – fosse una buona idea di marketing. Ma è partendo dai propri errori che si può sperare in un futuro migliore, e l’idea secondo cui la comunicazione e la promozione sarebbero aspetti secondari della politica non solo è un suicidio, ma è anche l’ennesima prova di testardaggine senile di chi sembra trarre piacere dalle sconfitte continue. Mai nella mia vita avrei pensato di ritenere un candidato statunitense un buon esempio di proposte socialiste, di sinistra “vera” e non di un centrismo sbiadito dal fascino per il liberismo sfrenato, ma allo stesso tempo anche capace di rendere il suo messaggio politico accattivante per tante persone, specialmente giovani.

Il punto è che negli Stati Uniti del 2020, se sei una persona che ha davanti a sé ancora molti anni da spendere nello studio, nel lavoro e su un Pianeta che possibilmente non diventi la versione reale del film catastrofico The Day After Tomorrow – in sostanza, se non sei un boomer – affidarsi a politici come Bernie Sanders è la scelta più sensata che si possa fare. Sanders vuole rovesciare un sistema economico e politico che si basa su un profondo accentramento delle ricchezze come quello statunitense con una redistribuzione dei beni, guardando a un modello europeo di welfare che scardini una volta per tutte le basi delle ingiustizie sociali che dividono gli Stati Uniti in due: chi può permetterselo e chi non può. Ed è assurdo pensare che questa mentalità non si limiti solo a questioni di merito scolastico e formativo – i famosi “risparmi per il college” che tanto sentiamo nominare dai genitori dei teen-drama con cui siamo cresciuti –, che già di per sé rende netta questa divisione vendendo il messaggio dell’American dream per cui se vuoi puoi e se non ci riesci sei un fallito. Questa ideologia si ripercuote anche in contesti come quello sanitario, con un sistema nazionale così frammentato da ricordare il sistema di abbonamenti premium e free-trial di Spotify. Un altro punto cruciale di questi anni è la questione dell’ecosostenibilità del modello produttivo degli Stati Uniti e del capitalismo in generale, altro tema centrale per garantire a chi non è alla fine dei suoi giorni la possibilità di vivere sulla Terra nel prossimo futuro. Bernie Sanders queste cose le tiene bene a mente e ne ha fatto il suo cavallo di battaglia, ma ha capito altrettanto bene che bisogna puntare soprattutto a chi questi temi li ha più a cuore, ossia i giovani.

Negli Stati Uniti le campagne elettorali sono sempre molto più connotate dalla presenza di personaggi dello spettacolo rispetto a quelle italiane o europee in generale. Nell’era di internet, però, la questione dell’immagine e degli endorsement si è fatta molto più seria, dal momento in cui tutti siamo sui social e il legame tra ciò che si sponsorizza e chi lo sponsorizza si è amplificato in modo esponenziale. La cultura pop di massa veicolata dal web è stata dimenticata dalla comunicazione dei partiti tradizionali e ceduta a bestie da social come i Salvini vari, che hanno capito alla perfezione cosa fa colpo sugli utenti: il fenomeno della canzone Io sono Giorgia ne è un esempio lampante. Giorgia Meloni ha infatti girato a suo favore un episodio di viralità con intenti parodistici nei suoi confronti, trasformandolo in uno spot che l’ha fatta sembrare ironica e vicina al linguaggio giovanile. Chi pensa ancora oggi che la politica possa percorrere binari distanti dalla pop culture ha capito poco della realtà in cui si muove. Per questo la campagna elettorale di Sanders è per certi versi come un faro nella notte, dal momento che il suo protagonista non è un sovranista che vive di slogan e del lavoro di una galassia di siti di fake news, ma un politico con un’esperienza decennale e con un messaggio costruttivo e programmatico per il futuro del suo Paese.

Sanders, negli ultimi anni, ha dato vita a quella corrente di risveglio delle coscienze che viene definito con l’espressione “Feel the Bern, che si manifesta poi concretamente non solo su internet, con il supporto di gruppi interi dedicati come il famoso Bernie Sanders’ Dank Meme Stash, ma anche con gli eventi del suo rally: appuntamenti che sembrano festival organizzati per millennial e giovanissimi che vogliono divertirsi mentre ascoltano un comizio. Sanders e il suo staff sembrano aver trovato la sintesi perfetta di ciò che dovrebbe fare un buon comunicatore, e dunque anche un buon politico: essere in grado di veicolare messaggi complessi in forma semplice, rendere note le proprie intenzioni senza sminuire il contenuto ma restando accattivante; per capirci, fare politica con la coolness di un influencer e la sostanza di un uomo di stato.

Non è facile e non è nemmeno un aspetto superficiale, visto che i sondaggi parlano chiaro e Sanders ha una vera e propria fanbase di giovani, molto più vasta in termini di numeri rispetto a quella dei suoi avversari nella corsa democratica. Così alcuni suoi comizi sembrano il Primavera Sound, con un concerto degli Strokes che non si riunivano da anni e che hanno deciso di supportare il candidato proprio in concomitanza della loro reunion. Poi c’è stato Jack White che ha suonato sempre durante un suo rally. Ma c’è anche Justin Vernon dei Bon Iver che alza il pugno per Sanders con i Vampire Weekend, già presenti durante le primarie del 2016, fino ad arrivare a interviste con Cardi B o a streaming dei suoi discorsi su piattaforme come Twitch. Anche Ariana Grande, tra le cantanti più famose e seguite sui social di sempre, ha twittato una foto con il senatore del Vermont, affermando di non aver mai sorriso tanto come in quella foto, e così la top model Emily Ratajkowski. Un altro endorsement importante per Sanders è stato quello della deputata del Congresso Alexandria Ocasio-Cortez, figura molto in vista tra i giovani e le minoranze per il suo modo innovativo di fare politica, che spesso appare al suo fianco per supportarne la candidatura.

Complice anche il meme dal successo planetario ok boomer, in questi ultimi mesi si è accesa nelle generazioni più giovani una consapevolezza più forte sulle cause dell’attuale situazione di crisi dell’Occidente. La questione ambientale – ma anche la mancanza di lavoro e di giustizia sociale – ha acceso il dibattito sulle responsabilità: la generazione dei baby boomer non è colpevole di tutti i mali del mondo, ma di sicuro è stata responsabile di politiche prive di lungimiranza nei confronti di un Pianeta e una società stremati dallo sfruttamento e dalla logica del profitto sopra ogni cosa.

Ariana Grande e Bernie Sanders

Il punto è che una lotta tra generazioni è stupida e controproducente, così come eleggere un rappresentante solo in nome della sua giovane età. Non è detto che un under 50 sia per forza un politico fresco e portatore di idee progressiste e innovative, come ben dimostra il panorama politico italiano. Anzi, l’esperienza è a mio avviso un enorme punto a favore di chi deve governare. Allo stesso tempo, però, la chiusura comunicativa da parte di chi è più anziano nei confronti di ciò che ritiene superficiale o inutile è molto frustrante, perché il risultato poi non sono solo i Modena City Ramblers in piazza, ma anche il diffondersi di disinteresse e superficialità nei confronti della politica.

Bernie Sanders ha saputo creare un contatto tra due generazioni così distanti grazie a un tratto comune che ci rende molto più vicini di chiunque altro: il socialismo, la lotta per i diritti di tutti, la cooperazione, l’uguaglianza in un Occidente che si fregia di grandi conquiste, ma è ancora afflitto da una profonda ingiustizia. Che sia proprio un boomer a dare lezioni di comunicazione – grazie all’aiuto di esperti del settore inseriti nel suo staff elettorale ma anche a gruppi spontanei di sostegno – utilizzando internet in tutte le sue forme in modo capillare, senza scadere nella volgarità populista ma creando degli eventi che siano pop e allo stesso tempo centrati su un messaggio politico è un fenomeno da studiare con cura e da cui trarre insegnamenti. Se anche non sarà Sanders a vincere le primarie democratiche, resterà comunque l’ondata di novità e cambiamento che ha saputo portare, riportando la politica a essere interessante non solo nei contenuti ma anche nella forma.

Segui Alice su The Vision | Twitter | Facebook
Seguici anche su:
Facebook    —
Twitter   —  

Seguici anche su: