Il metodo "The Rock" per uomini che non vogliono essere accusati di molestie sessuali - The Vision

Sei un uomo confuso che non sa come comportarsi con le donne con cui lavora? Hai l’impressione di non poter dire o fare nulla e di non essere in grado di fare o dire nulla? Tranquillo, non stressarti. Questo prontuario ti aiuterà a trattare le donne come persone normali in men che non si dica.

Da Harvey Weinstein  ai vertici di Uber, ogni giorno un uomo ricco e influente viene distrutto dalle accuse di molestie e/o violenze sessuali. È di questi giorni infatti, la notizia del New York Times che riporta di come gli uomini tendano per paura a fare meno da mentore alle donne sul posto di lavoro:

“Si è diffuso il gelo in tutta la Silicon Valley dopo tutte queste storie; le persone sono iper-concentrate e terrorizzate all’idea di agire in maniera sbagliata. È per questo che stanno cercando di prevenire ogni possibile rischio”, ha dichiarato un venture capitalist che ha scelto di rimanere anonimo per lo stesso motivo. Alcuni iniziano ad evitare di incontrare da soli donne imprenditrici, potenziali clienti e donne che chiedono un semplice incontro informativo o di contatto.

Harvey-weinstein-the-vision

Ma tranquilli, se portare avanti delle relazioni professionali ha fin qui e sempre più spesso compreso quella cosa nota a tutti come “tentare almeno di provarci”, c’è speranza per tutti per evitare di sbagliare in futuro. Vi basterà seguire una semplice regola per iniziare a interagire con le donne e considerarle persone.

È facile: trattate le donne come trattereste Dwayne “The Rock” Johnson. Lo so, fa un po’ strano, ma credetemi, questo esercizio di visualizzazione farà miracoli nei vostri rapporti con le donne sul posto di lavoro. Quando una donna vi si avvicinerà, vi basterà immaginare che sia The Rock e quindi comportarvi di conseguenza.

Non siete convinti? Vi propongo alcuni scenari e vi spiego cosa dovreste fare.

Situazione 1: prendere il caffè

Chiara è un’amica di un amico che si è trasferita da poco in città e vuole farsi dei contatti nel suo campo, lo stesso in cui lavori anche tu. Ti ha chiesto se sei disponibile a prendere un caffè insieme, così da poterti chiedere dei consigli. C’è solo un piccolo problema, Chiara è così:

Accidenti, è pure carina! Anche di viso. Che fare? Voglio dire, sai benissimo che sarebbe inappropriato considerare un caffè come un vero appuntamento, dal momento che Chiara ha voluto fugare ogni dubbio sul fatto che le sue intenzioni sono prettamente professionali. Ma d’altra parte, è rossa, proprio come la tua ex! Oh, cazzo, è tutto così difficile. Mi sa che sei finito in un campo minato.  Uscire indenni da quest’impasse può essere facile e indolore, se ricorrerai al metodo The Rock. Chiudi gli occhi, fai un respiro profondo (stile mindfulness) e quando li riapri, fai finta che Chiara sia così:

Cazzo! Chiara sembra una vera dura e poi guarda quanto è forte e sudata! Sembra una persona che sta lavorando parecchio per raggiungere i suoi obiettivi; che si è lasciata alle spalle una situazione che chiaramente non stava funzionando e che è destinata a grandi cose. Magari puoi chiederglielo. Sai cosa non puoi fare invece? Provarci. Ha proprio l’aria di una che potrebbe ucciderti con la sedia su cui sei seduto.

Situazione 2: il meeting

Amanda è una tua collega e ha qualche domanda sul grande progetto che il tuo dipartimento ha appena preso in carico. Ti ha chiesto di fissare un meeting da soli per approfondire alcune tematiche. C’è solo un problema:

Oh no, Amanda non solo sembra giovane e attraente, ma pare anche non avere un anello al dito. E se fosse disponibile a parlarti della sua avventurosa (presumibilmente) vita sessuale e ti chiedesse della tua? Oddio, finalmente qualcuno con cui condividere il tuo fetish segreto per il lattice!  Come puoi anche solo immaginare di poter avere un meeting serio con Amanda – che chiaramente non verterà su tutto questo – e rimanere concentrato per ben 45 minuti? Di nuovo, chiudi gli occhi, libera la tua mente e pensa che Amanda sia così:

Cazzo! Sembra che Amanda stia lavorando sodo, ha giusto bisogno di aiuto per un piccolo problema che ha riscontrato. Per fortuna sa chiedere aiuto se ne ha bisogno, che collega professionale! Sei fortunato ad avere Amanda nel tuo team. Sfortunatamente non sembra che abbia abbastanza tempo per sentire la storia del lattice, non importa quanto ti eccitino quei guanti.

Situazione 3: L’uscita

La tua collega Jennifer e il suo team hanno appena lanciato un nuovo interessante progetto e ti hanno invitato ad unirti a loro per qualche drink di festeggiamento dopo il lavoro. C’è solo un problema. Sì, ci hai preso:

Jennifer e il suo team sono tutte clienti di Sephora. Una di loro indossa addirittura un gonna. Ciao bella, giusto? Come puoi anche solo pensare di tenere le mani a posto, quando ci sono così tante donne che ti sorridono? Tutti sanno che quando una donna ti sorride significa che le piaci in quel senso. Voglio dire, in tutti i film che hai visto e in tutti i privè in cui sei stato funzionava così. Come puoi sapere se è solo un aperitivo di lavoro o se avrai finalmente l’occasione che sogni da anni di masturbarti davanti a un gruppo di donne?

Sbrigati a sostituire il gruppo di donne sexy nella tua testa con quest’immagine:

Cazzo! Jennifer e il suo team sembrano veramente professionali e pronte a sfidare qualsiasi cosa! Non c’è da stupirsi se il loro progetto si è rivelato vincente e sembrano proprio aver voglia di festeggiare. Forse puoi condividere con loro qualche racconto sui progetti passati o puoi limitarti ad ascoltare le loro storie su cos’ha comportato arrivare fin qui. C’è solo una cosa che non ti consiglio di fare, non importa quanto sarai ubriaco: NON masturbarti davanti a loro. Sul serio, l’ultimo genio che conosco che ha toccato un poliziotto è finito con la faccia nel cemento. Non si può dire che abbia passato una bella notte.

Ed eccoci qua. Hai imparato la maniera facile e veloce come interagire con le donne senza comportarti da stronzo maniaco. Hai visto com’è semplice?

Ricorda queste semplice regola: offri alle donne con cui lavori lo stesso rispetto, la stessa ammirazione e una sana dose di timore che offriresti a chiunque potrebbe distruggerti se te lo dovessi meritare.

Grazie ad Anne Victoria Clark per averci gentilmente concesso la traduzione del suo pezzo.

Segui Anne Victoria su The Vision
Seguici anche su:
Facebook    —
Twitter   —