Il 99% degli scienziati non ha dubbi sul riscaldamento globale. È un’emergenza, non un dibattito.

Il 25 settembre, durante la settimana per il clima, l’Intergovernmental Panel on Climate Change (Ipcc) dell’Onu ha presentato un nuovo report sulla condizione degli oceani e della criosfera: un documento di circa 900 pagine che raccoglie 7mila lavori scientifici svolti da 104 scienziati di oltre 30 Paesi. Come per il report precedente di inizio agosto sull’uso del suolo e la sicurezza alimentare, le conclusioni spaventano: se lo scioglimento dei ghiacciai – che si sta verificando sempre più rapidamente, anche in Italia – continuerà con i ritmi attuali, entro il 2100 il livello del mare si innalzerà, costringendo le persone che vivono lungo le coste a spostarsi. Non solo: l’aumento della temperatura e dell’acidità delle acque degli oceani provocheranno un calo dell’ossigeno, mettendo a rischio tutti gli ecosistemi marini.

Nel frattempo, in concomitanza con il Climate Action Summit 2019 al Palazzo di Vetro delle Nazioni Unite, centinaia di migliaia di giovani del movimento Fridays for Future sono scesi nelle piazze di tutto il mondo per manifestare e chiedere ai governi il riconoscimento dell’emergenza climatica e provvedimenti concreti per contrastarla. Ma proprio mentre la loro leader, la sedicenne svedese Greta Thunberg, teneva il suo accorato discorso alle Nazioni Unite accusando i leader mondiali di non dare il giusto peso al cambiamento climatico e di aver rubato loro il futuro, una lettera dal titolo Non c’è alcuna emergenza climatica ha raggiunto il Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres.

Primo firmatario è Guus Berkhout, geofisico dell’Università dell’Aia che per anni ha lavorato come consulente per diverse compagnie petrolifere. Berkhout ha anche creato Clintel, una fondazione indipendente di negazionisti climatici di cui, a suo dire, fanno parte cinquecento scienziati di tutto il mondo. Peccato che la lettera sia firmata solo da tredici persone: tre geologi, un fisico dell’atmosfera e alcuni filosofi, giornalisti, politici e industriali, ma nessun climatologo. Nella lettera non viene citato alcuno studio scientifico, non vengono mostrati numeri o dati che possano avvalorare le affermazioni riportate, ma si dichiara soltanto che gli attuali modelli sul clima sono imperfetti, che i mutamenti periodici del clima sono del tutto naturali e che la CO2 non è un inquinante, bensì costituisce la base della vita sulla Terra perché permette la crescita delle piante. Inoltre, secondo i firmatari, le politiche sul clima devono avere l’obbligo di rispettare le realtà scientifiche ed economiche. Eccola la chiave di tutto: il denaro. Non è un caso che i negazionisti siano quasi sempre industriali ed esperti di settore che lavorano nell’ambito delle energie non rinnovabili, ossia quelli più a rischio di subire ingenti perdite economiche nel caso di passaggio a fonti energetiche sostenibili.

Sembra davvero assurdo che, dopo anni di dati inoppugnabili, report scientifici e appelli da parte dei climatologi, siamo ancora a questo punto. Solo a inizio agosto, sono stati pubblicati da Nature e Nature Geoscience altri tre articoli che avrebbero dovuto convincere anche i più scettici del fatto che il cambiamento del clima sia imputabile alle attività umane. Le tre ricerche, infatti, basandosi su dati storici molto dettagliati relativi agli alberi, ai sedimenti, ai ghiacciai di tutti i continenti, hanno dimostrato che negli ultimi 2000 anni non c’è mai stato un periodo in cui i cambiamenti delle temperature sono stati così repentini ed estesi come negli ultimi decenni. Per esempio, quella che viene definita come la piccola era glaciale e che da sempre i negazionisti portano come prova di cambiamento climatico come fenomeno naturale, ha raggiunto il suo picco in tempi diversi in varie parti del mondo: nel Quindicesimo secolo nell’Oceano Pacifico, nel Diciassettesimo secolo in Europa e solo nel Diciannovesimo secolo nelle restanti aree del Pianeta. Si tratta di un trend molto diverso da quello attuale, in cui i record di temperatura vengono infranti anno dopo anno in tutto il mondo. I cambiamenti del passato, inoltre, sono stati prevalentemente causati dalle grandi eruzioni vulcaniche, mentre dal Diciottesimo secolo in poi le emissioni dovute alle attività umane hanno cominciato a influenzare in modo sempre più massiccio il clima della Terra. Questo è diventato ancora più evidente a partire dalla fine del Ventesimo secolo, quando l’aumento delle temperature nell’arco di appena due decenni è stato il più rapido degli ultimi due millenni.

“Queste ricerche dovrebbero finalmente impedire ai negazionisti di continuare a dire che il riscaldamento globale attuale fa parte di un ciclo climatico naturale, dal momento che viene messa in evidenza la differenza tra i cambiamenti a livello locale e regionale del passato e l’effetto globale delle emissioni antropogeniche di gas serra”, ha detto Mark Maslin, climatologo dello University College di Londra.

Anche in altri studi precedenti i climatologi si erano mostrati concordi nell’affermare quasi all’unanimità che i fattori antropici – i gas di scarico delle automobili, le ciminiere delle fabbriche, la deforestazione e altre fonti di gas serra – sono i responsabili del livello eccezionale di riscaldamento che si sta verificando a livello globale.

Uno studio del 2013 pubblicato su Environmental Research Letters, ha mostrato che il 97% degli studiosi del clima erano d’accordo nello stabilire la responsabilità umana nei cambiamenti climatici, una percentuale salita quest’anno al 99%. Eppure i negazionisti continuano ad avere uno spazio quasi paritario nel dibattito pubblico, mentre la questione ha preso una piega politica, più che scientifica. Negli Stati Uniti il Competitive Enterprise Institute (Cei), un gruppo di esperti dell’ala più conservatrice, sta esercitando pressioni sulla Nasa affinché rimuova dal suo sito il riferimento al consenso scientifico sul cambiamento climatico. Non è un caso: il Cei ha infatti ricevuto finanziamenti sia dall’American Fuel and Petrochemical Manufacturers che dal think tank ultra conservatore Charles Koch Institute, entrambi enti che avrebbero molto da perdere nel caso di una transizione a un’economia a basso impatto ambientale e più etica.

“Con l’aumento delle conoscenze in ambito climatico, aumenta anche il totale accordo sul fatto che il riscaldamento globale sia causato dalle attività umane”, ha dichiarato John Cook, autore dello studio del 2013. “La buona notizia è che sta aumentando la comprensione e il consenso da parte del pubblico. La cattiva notizia è che c’è ancora molto lavoro da fare, perché i negazionisti continuano ad attaccare il consenso scientifico”. Il problema non si limita agli Stati Uniti: anche nel nostro Paese il negazionismo climatico non smette di far parlare di sé, con attacchi spesso rivolti più sul piano personale di chi lo denuncia che su quello scientifico.

Risale al 30 settembre la notizia, riportata anche dall’Ansa, che 145 scienziati italiani hanno aderito alla lettera presentata alle Nazioni Unite da Guus Berkhout, presentando anche una petizione al Capo dello Stato, al Presidente del Consiglio e ai presidenti delle Camere, dove sostengono che non esiste un consenso scientifico sull’origine umana del riscaldamento globale, che questo fenomeno si è verificato anche in passato per cause naturali, che non c’è una emergenza climatica e che le politiche di riduzione delle emissioni sono inutili per governare il clima e negative per lo sviluppo economico. Anche in questo caso, come per la lettera della fondazione Clintel, non viene citato alcuno studio scientifico di riferimento. Tra i firmatari c’è anche il fisico Antonino Zichichi, detrattore della teoria dell’evoluzione di Darwin e autoproclamato genio, che non ha mai fatto mistero di negare l’influenza umana sul clima. In un recente articolo, dai toni estremamente paternalistici nei confronti di Greta Thunberg e dei suoi sostenitori, afferma che le attività umane incidono solo per il 5% sul cambiamento climatico, mentre il 95% dipende invece da fenomeni naturali legati al Sole. Come siano stati dimostrati tali numeri resta un mistero noto solo al “geniale” Zichichi.

Antonino Zichichi

Per fortuna, però, c’è anche chi fa parlare i dati e non il suo ego o interessi di parte. Roberto Battiston, professore di fisica all’università di Trento ed ex presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana, all’insensatezza delle teorie dei negazionisti contrappone i dati storici sull’aumento delle temperature: “Non c’è mai stata, in tutta la storia del clima, una variazione così rapida come ai giorni nostri. Durante le glaciazioni, la temperatura variava di 1 grado ogni mille anni, nell’ultimo secolo è salita di 0,8 gradi, cioè 8 volte di più, e oggi sta salendo di 0,15-0,20 gradi ogni dieci anni, ben 20 volte di più”. Lo seguono anche i ricercatori del comitato La Scienza al voto, che con una lettera aperta hanno dimostrato il loro sostegno ai giovani che scioperano per il clima: “Ci unisce il desiderio di studiare la realtà, e una delle realtà che oggi purtroppo emerge è la difficoltà per gli esseri umani a rimettersi in discussione: così si spiegano gli attacchi contro di voi e le accuse ingiuste, come quella di avere sporcato una piazza che avete lasciato pulitissima o di essere pupazzi nelle mani di adulti che vi userebbero – sono accuse che servono, a chi le inventa, ad evitare di prendere coscienza della crisi climatica in cui ci troviamo”.

Il Giornale definisce i negazionisti climatici “uomini ribelli”, ma una ribellione fatta senza l’apporto di dati concreti, quando invece dall’altro lato ci sono dati e numeri verificabili, sono chiacchere da bar per relegare un’emergenza planetaria al livello di una farsa. La vera farsa, però, non è il cambiamento climatico, ma il movimento di chi tenta di negarlo, a discapito di tutti, per difendere gli interessi economici di pochi. Visto il loro livello “scientifico”, forse qualcuno dovrebbe spiegare loro che se il Pianeta è destinato a diventare inabitabile nel prossimo futuro, i loro soldi non serviranno proprio a nulla, esattamente come per ognuno di noi.

Segui Alessia su The Vision
Seguici anche su:
Facebook    —
Twitter   —  

Seguici anche su: