Potremmo avere 500 letti di terapia intensiva in centro a Milano. Ma manca il materiale.

Regione Lombardia potrebbe realizzare un nuovo polo ospedaliero dove sorgono alcuni dei padiglioni fieristici della città, nel quartiere di Portello-CityLife. Si tratta di una possibilità paventata dall’assessore alla Sanità lombarda Giulio Gallera, ma poi smentita dal Presidente della Regione Attilio Fontana, che ha riferito che la Protezione Civile non è al momento in grado di fornire il materiale. Si attende dunque ora la possibilità di reperirlo dai fornitori all’estero. L’impresa, simile a quella portata a termine a Wuhan agli albori della pandemia, potrebbe garantire alla città tra i 500 e i 600 nuovi posti letto; un aiuto necessario dal momento che gli ospedali della Regione sono ormai saturi.

Per far fronte all’emergenza molte strutture hanno infatti dovuto trasformare interi dipartimenti in reparti di terapia intensiva, rianimazione, pneumologia e infettivologia. Come se non bastasse, diversi hanno dovuto persino chiudere per sanificazione dopo il contagio di pazienti e personale. Ma non bastano le strutture, servono anche il personale e il materiale. Tra le idee annunciate anche quella di reclutare professionisti tra medici specializzandi e infermieri neolaureati, in modo da dare respiro a coloro che lavorano dall’inizio della crisi. Per quanto riguarda la strumentazione, Fondazione Fiera Milano ha detto che potrebbe farsi carico di parte delle spese.

Segui Redazione su The Vision
Seguici anche su:
Facebook    —
Twitter   —  

Seguici anche su: