L’inquinamento atmosferico è crollato in Nord Italia e in tutto il mondo

Se c’è una cosa almeno apparentemente (e temporaneamente) positiva della pandemia è che sta contribuendo a ridurre i livelli di inquinamento atmosferico in molte aree del mondo. In Cina lo stop alle attività produttive ha dato un’enorme contributo e ora, secondo un’analisi pubblicata sul sito Carbon Brief, il consumo di carbone nel Paese è sceso del 36% e i livelli di diossido di azoto sono diminuiti del 37%. Già a febbraio le misure adottate da Pechino hanno ridotto del 25% le emissioni di anidride carbonica del Paese. Lo stesso accade nel resto del mondo, dove per ora buona parte delle attività produttive resta in funzione ma la riduzione degli spostamenti in auto conseguente al lockdown sta facendo la sua parte. Ad esempio, a New York, la congestione del traffico è scesa dal 52% del marzo 2019 al 17% di questi giorni secondo le stime della società TomTom. Nel Nord Italia, una delle aree più inquinate in tutto il continente europeo, la concentrazione di diossido di azoto è diminuita del 10% e anche confrontando i dati Arpa di inizio anno rispetto a quelli di questi giorni si nota una differenza sostanziale. In generale, il Center for international climate and environment reasearch ha calcolato che lo stop di questi mesi potrebbe comportare una riduzione delle emissioni di anidride carbonica a livello globale dell’1,2% rispetto al 2019. Una percentuale che potrebbe persino essere maggiore se lo stop delle attività e del traffico dovesse protrarsi più del previsto.

Nonostante tutto questo, è presto per trarre conclusioni. Se certamente il rallentamento di questi giorni sta influendo sulla diminuzione di emissioni, non è detto che sia il principale responsabile degli effetti positivi. Come ha specificato Arpa, infatti, i dati di questi giorni andranno messi in relazione alle condizioni meteorologiche, e poi confrontati con quelli degli anni passati. Inoltre, molti ambientalisti in questi giorni stanno facendo notare che, se osserviamo al passato, le recessioni economiche non hanno mai portato conseguenze positive a lungo termine per il clima: una volta finito tutto questo, infatti, è molto facile immaginare che molti Stati e istituzioni internazionali (Unione europea compresa) decideranno di accantonare la sfida contro la crisi climatica per rilanciare la crescita economica, aumentando le emissioni e rendendo vani i risultati confortanti di questi mesi.

Segui Redazione su The Vision
Seguici anche su:
Facebook    —
Twitter   —  

Seguici anche su: