4 italiane su 5 sono violentate da italiani. E a nessuno interessa fermarli.

Il 30 agosto una ventunenne di Parma ha denunciato per violenza sessuale due uomini, dopo aver accettato l’invito a uscire di uno di loro, Federico Pesci, un noto imprenditore della zona. Secondo la ricostruzione offerta, l’uomo, dopo averla portata nel suo appartamento, si è fatto raggiungere dal suo pusher nigeriano Wilson Ndu Anihem e con lui ha stuprato e torturato la ragazza tutta la notte. È l’ennesimo caso di violenza dell’estate 2018. A Menaggio, sul lago di Como, due diciassettenni avrebbero subito uno stupro di gruppo da parte di quattro ragazzi, un italiano e tre stranieri – tre di loro, fermati, sono stati per il momento scarcerati, in assenza di prove. A Jesolo, una quindicenne sarebbe stata abusata in spiaggia da un senegalese, mentre a Rimini una donna danese di 26 anni, secondo la ricostruzione fatta dagli inquirenti, sarebbe stata aggredita da un venditore ambulante bangladese. Sempre nella località balneare e sempre secondo le ricostruzioni, una tedesca sarebbe stata violentata da due allievi poliziotti della Polgai di Brescia.

Federico Pesci

Non tutti gli stupri, però, hanno lo stesso peso. Ad esempio, su Libero si parla casualmente solo della “bestia bengalese” e del “verme senegalese”. Gli altri casi, dove erano coinvolti anche italiani, non pervenuti. Anche Il primato nazionale ha problemi di memoria e si concentra solo sulla vicenda di Jesolo, commentando: “Ormai non si contano più le violenze sessuali perpetrate da immigrati in Italia”. Anche Salvini, tra un bacio ai rosiconi e una serata al Papeete Beach, si ricorda solo del senegalese. E tutti gli altri? O meglio, tutte le altre, visto che nella caccia al mostro dalla pelle scura ci si dimentica che ci sono anche delle vittime di mezzo.

Nel 1944, la Repubblica Sociale Italiana promosse un manifesto disegnato da Gino Boccasile che raffigurava un soldato alleato di colore che afferra con violenza una donna bianca. “Difendila”, recitava il manifesto, “Potrebbe essere tua madre, tua moglie, tua sorella, tua figlia”. Nel 2017 Forza Nuova ha ripreso quel disegno di Boccasile cambiando la didascalia: “Difendila dai nuovi invasori”. A parte il fatto che nessuna donna ha chiesto di essere difesa e che non c’è alcuna invasione in atto, il manifesto una cosa giusta la dice: “Potrebbe essere tua moglie”, ma al posto del soldato di colore avrebbero dovuto metterci un italiano. Come infatti ha evidenziato il presidente dell’Istat Giorgio Alleva alla Commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio, gli stupri subiti dalle donne italiane sono stati commessi da italiani in oltre l’80% dei casi (insomma, 4 volte su 5 l’autore della violenza è italiano) e nel 62,7% dal partner.

Nonostante questo, sembra che a interessarci siano solo le violenze commesse da immigrati. Quando l’uomo nero prende la donna bianca, si crea una dinamica perfetta, che non ha bisogno del solito processo alla vittima o del richiamo alla presunzione di innocenza come accade se a commettere l’abuso è un rispettabile italiano. Quando a settembre dello scorso anno due carabinieri di Firenze furono accusati di aver abusato di due studentesse statunitensi, si scatenò un interminabile j’accuse sulla morale delle due ragazze – erano ubriache, li avevano provocati e loro si sono solo comportati da “maschietti”; addirittura le due avrebbero secondo alcuni voluto incastrarli per intascarsi i soldi dell’assicurazione. Nel caso di uno stupro commesso da uno straniero, tutto questo inutile teatrino sulla lunghezza dell’orlo della gonna e la percentuale di alcool nel sangue scompare.

L’idea dell’uomo nero che si impossessa della donna bianca è ben radicata nel nostro immaginario. Fa parte dello scenario più ampio, che oggi viene sovente chiamato “invasione” o ancora peggio “sostituzione etnica”, in cui l’uomo nero viene visto come un ladro assetato dei beni dei bianchi, come la terra, il lavoro e il Wi-Fi gratis. Beninteso, fra quei beni bianchi ci sono anche le donne, le “nostre” donne. Come dice il manifesto di Boccasile ripreso da Forza Nuova, le donne bianche sono un bene da difendere, soprattutto se madri, mogli e figlie. Non c’è spazio per le donne che non rientrano nel diritto di proprietà maschile, come le ragazzine che se la vanno a cercare provocando i carabinieri o le donne straniere, che tra l’altro sono molto più soggette a stupri e tentati stupri rispetto alle italiane.

Questo si riflette anche nel comportamento di denuncia delle donne nel caso di violenza sessuale. Secondo un rapporto dell’Istat, infatti, nel caso di stupri commessi fuori dalla coppia, la quota di vittime di stupro subito da parte di un autore straniero che dichiara di aver denunciato è oltre 6 volte più alta rispetto al caso in cui l’autore sia italiano. Per il tentato stupro la differenza è addirittura di 10 volte. Uno studio del 2002 dell’Università di Washington e dell’Università della California ha analizzato il problema della razza come variabile significativa nel giudicare la gravità dei casi di stupro. In particolare, si è concentrato sugli stereotipi che riguardano la sessualità delle persone di colore, sia che si tratti di vittime che di stupratori. Gli uomini neri sono considerati sessualmente incontentabili, incapaci di controllare i propri istinti animaleschi e per questo motivo più propensi allo stupro. Le donne nere, invece, sono viste come troppo promiscue e sessualmente disponibili per rifiutare un rapporto sessuale. Questi bias influenzano la nostra percezione dello stupro: l’uomo nero stupra perché è fatto così, l’uomo bianco perché ci sarà sempre una qualche ragione che lo giustifica. Di conseguenza, anche la percezione della gravità della violenza cambierà a seconda della nazionalità dello stupratore e di quella della vittima. Tanto che c’è chi su Twitter, commentando lo stupro di Parma, accusa di violenza solo il pusher senegalese, perché in fondo la ragazza era uscita con Pesci volontariamente.

A questo si aggiunge un altro topos della cultura occidentale, ovvero quello della “Damsel in distress”, la damigella in pericolo, una donna nubile, graziosa e innocente che deve essere salvata dalle grinfie del mostro. L’idea della damigella in pericolo è alla base della cosiddetta “Missing white woman syndrome”, la sindrome da donna bianca scomparsa. Si tratta di un fenomeno sociale per cui, quando a essere data per scomparsa è una donna bianca, giovane e di classe medio-alta, la copertura dei media è sproporzionata alla gravità del caso. Tale copertura è invece marginale se a scomparire sono un uomo o una donna di colore. I media, nel trattare i casi di donne bianche scomparse, insistono sulla bellezza e l’innocenza delle vittime, sui legami affettivi della famiglia e sul loro ruolo di membri di spicco della società. Lo stesso trattamento si ripete nei casi di omicidio e di stupro, dove si ricalca il modello della vergine violata da un uomo socialmente inferiore o di carnagione più scura.

Tale modello è alla base delle teorie razziste contro la mescolanza delle razze. Lo stupro è più grave se si mescola la purezza bianca alla bestialità nera, così come prescrive quel fascismo a cui ci si richiama ogni qualvolta non si riesce a sorpassare la nazionalità dello stupratore. “Il carattere puramente europeo degli Italiani viene alterato dall’incrocio con qualsiasi razza extra-europea e portatrice di una civiltà diversa da quella millenaria degli ariani,” sosteneva il Manifesto della razza pubblicato sul Giornale d’Italia del 14 luglio 1938. Che è un po’ quello che sostiene chi pensa che gli immigrati vengano qui a violentare le “nostre” donne: loro non sanno tenerselo nei pantaloni, non rispettano le donne, la loro cultura è diversa dalla nostra.

Intanto la nostra millenaria civiltà è quella che ha commesso oltre 1600 stupri nei primi sette mesi del 2018, come ha evidenziato il dossier della Polizia pubblicato sul Corriere della Sera. Senza contare le migliaia di violenze sommerse, mai denunciate, consumate tra le mura domestiche dai propri partner, magari gli stessi che inveiscono contro gli immigrati. Le donne non devono essere difese dalla minaccia straniera, ma disporre degli strumenti che la legge offre nei riguardi di qualsiasi violenza. Chi usa la cronaca degli stupri per fare propaganda politica, selezionando accuratamente i casi di cui parlare in base alla concentrazione di melanina nella pelle del colpevole, non ha affatto a cuore la sicurezza delle donne. Se la avesse, incentiverebbe l’educazione sessuale nelle scuole, rafforzerebbe le politiche alla tutela delle donne maltrattate e, invece che urlare alla castrazione chimica – operazione anticostituzionale e controproducente – accorcerebbe i tempi del sistema giudiziario. Ma è molto più semplice sbattere il mostro in prima pagina, soprattutto se è nero.

Segui Jennifer su The Vision | Facebook
Seguici anche su:
Facebook    —
Twitter   —