Hai il diritto di dire cose razziste. Io di chiamarti idiota.

Capita ogni estate, almeno un paio di sere: mentre cerco di parcheggiare sotto casa, trovo una camionetta della polizia. Lì per lì non ci faccio caso ma poi, verso le dieci di sera, invece dei soliti echi da pianobar, comincio a udire cazzate alla finestra e capisco perché sia lì: sono arrivati i tizi di Forza Nuova, più puntuali e molesti di un circo Togni. Ce l’hanno coi musulmani e con l’Europa. Sono sempre una ventina, probabilmente nel pulmino non ce ne stanno di più. Non fanno numeri di giocoleria, sanno solo sventolare tricolori, uno per braccio, forse nel tentativo di sembrare il doppio. Non mangiano spade, non sputano fuoco, al massimo sempre quelle due o tre cazzate del genere “L’Europa è cristiana, non musulmana.” La gente transita un po’ perplessa, specialmente in un piazzale come il mio, a metà tra un kebab e una gelateria. Ma in fondo che male c’è. Hanno diritto di dire quello che vogliono, no? In Italia c’è libertà di parola, e quindi perché non dovrebbero avere il diritto di occupare un parcheggio con venti ragazzotti, quaranta bandieroni e un megafono, scandendo per due ore “L’Europa è Cristiana, non Musulmana”?

E se io scendessi ad avvertire che hanno rotto i coglioni, non sarebbe libertà di parola anche la mia? È una domanda retorica, ma il problema è che chi ci ha provato le ha prese, un po’ da loro e un po’ dalla polizia. Poi è stato denunciato e condannato a pagare multe da 2mila euro: sembra che la libertà di parola dei forzanovisti sia molto preziosa. Dev’essere il motivo per cui, ogni volta che me li ritrovo nel piazzale, tutto intorno è silenzioso. Il sindaco fa addirittura bloccare il traffico nonostante lui stesso non sembri mai molto entusiasta di trovarseli tra i piedi. E in questura pare che ci tengano molto. Ci tengono talmente che di solito mandano almeno due camionette con una quarantina di agenti bardati di tutto punto. Sicché i ragazzotti di Forza Nuova, che vengono dal Veneto fin sotto casa mia a sgolarsi sul concetto dell’Europa cristiana, non hanno solo due bandieroni a testa, ma anche tre o quattro agenti di pubblica sicurezza che vegliano sulla loro incolumità e sulla loro libertà di espressione.

Se vuoi protestare contro il tour estivo di Forza Nuova devi trovarti in una piazza ad almeno 500 metri di distanza, e accomodarti dietro la transenna dove ci sono i poliziotti più simpatici che ti spiegano che non ci possono fare niente, che anche loro sono antifascisti, che siamo tutti antifascisti, che però ehi, la libertà di parola dei forzanovisti è tutelata dalla Costituzione e quindi stai dietro la transenna e muto. In fondo basta sopportare un poco, tra un po’ il siparietto finisce, i ragazzotti tornaneranno a casa in pulmino e i poliziotti si piglieranno una serata di straordinario in busta. Vittoria per tutti. Vien da pensare che il senso sia tutto qui: questi sbandieratori dalle mie parti non se li fila nessuno, nonostante di razzisti anche qui sarebbe pieno. Loro però, più che razzisti, a me sembrano solo una caricatura. Mi chiedo se non abbiano un po’ di orgoglio anche loro, se non si vergognino ad essere trattati dalle forze dell’ordine come una specie protetta. Ho letto che anche a Brescia la polizia li scorta mentre fanno le ronde, perché, grandi e grossi come sono, da soli non si azzardano ad andare nei quartieri difficili. Qualcosa però non torna: nei quartieri difficili di Brescia si sente la mancanza delle forze dell’ordine, il che porta i ragazzotti di Forza Nuova a organizzare le ronde per proteggere i cittadini. Ma per assicurarsi che i suddetti non si facciano male, interviene la polizia.

D’altro canto devono pur potersi esprimere, anche se poi sono i primi a non sopportare che gli altri si esprimano su di loro. Alla vigilia della finale della Coppa del mondo di calcio, Paolo Bargiggia, un giornalista sportivo molto vicino a CasaPound ha scritto un tweet dove salutava la nazionale croata: una squadra “completamente autoctona, un popolo di 4 milioni di abitanti, identitario, fiero e sovranista” contro il melting pot della selezione francese. Nessuno lo ha picchiato per quel tweet, nessuno lo ha minacciato. Qualcuno ha ridacchiato perché ha scritto “melting pop” – che come refuso è abbastanza geniale – molti lo hanno preso in giro, ma, d’altronde, non si può piacere a tutti. Specie se manifesti insofferenza verso tutti quelli che non sono “autoctoni”. Cioè più o meno chiunque.

In questo caso è stata però Mediaset a prendere le distanze da Bargiggia, suo dipendente. L’approccio allarmista adottato in campagna elettorale nei confronti dei migranti si è molto stemperato, ormai è normalissimo ascoltare opinionisti in prima serata su Rete4 che spiegano che l’Italia ha bisogno di badanti, quindi di migranti – regolari, s’intende; che Salvini dovrebbe pensare a farne entrare di più di regolari, invece di prendersela con quei poveretti sui barconi. Insomma, Mediaset sta correggendo il tiro, e così le redazioni giornalistiche e sportive hanno approfittato del tweet del collega per prendere le distanze dal “contenuto razzista” di quest’ultimo. Apriti cielo. Come puoi parlare di “razzismo” per un tweet che difende il sovranismo degli autoctoni? Pare che non sia ammissibile.

Paolo Bargiggia ha annunciato denunce: non vuole essere chiamato razzista. Subito dopo ha fatto notare che comunque di razze si parla anche nella Costituzione. Già, peccato che se ne parli unicamente per respingere ogni tipo di discriminazione, e quindi anche quelle su base razziale (il dibattito in Assemblea Costituente parla chiaro). In ogni caso, la Costituzione riconosce anche la libertà di parola, quindi lui dice quel che vuole. Anche se, in effetti, quello che sta dicendo è che gli piace che i popoli restino autoctoni, cioè non si mescolino con gli altri, ma allo stesso tempo non vuole essere chiamato razzista per questo – anche se la Costituzione comunque parla di razze e quindi ne parla anche lui. Posso anche accettarlo, in fondo anche Bargiggia ha il diritto di dire quello che pensa, di contraddirsi e di ridicolizzare le sue stesse idee. Ma perché qualcun altro non può dirgli che è un razzista? Perché l’azienda per cui lavora non si può permettere di far notare che la sua uscita era fuori luogo?

È un vecchio discorso. Nessuna libertà è illimitata: di solito finisce dove comincia quella del tuo vicino. Se lo offendi, se lo disturbi cianciando di Europa cristiana alla finestra, lui dovrebbe avere il diritto di fartelo notare. Hai il diritto di parlare di razze, anche se per la scienza si tratta di un concetto desueto, da un punto di vista storico stai esplicitamente rifacendoti a ideologie genocide e da quello umano stai solo dando fastidio al prossimo. Sul serio: ne hai il diritto. Prova invece a bestemmiare in pubblico, e scoprirai che la bestemmia è tuttora sanzionata. E se istighi all’odio razziale e alla discriminazione? Il reato esiste. Certo, i tuoi stessi avversari potrebbero decidere di lasciartelo fare perché far decidere a un giudice se questo o quel discorso costituisca o meno un incitamento all’odio non sembra quasi mai una buona idea.

Ma qui siamo oltre. Non solo non dobbiamo permetterci di accusarti di incitare all’odio, ma non possiamo nemmeno chiamare i tuoi deliri con il loro nome. Se credi che esistano le razze – e per di più che esistano razze “autoctone” in quel crocevia di popoli che è stata per 2mila anni la penisola balcanica – se pensi che sia meglio evitare che si incrocino, confondendo forse la storia dell’umanità con la pollicultura, perché non vuoi essere chiamato razzista? Di cosa ti vergogni? I fascisti negli anni Trenta di certo non si vergognavano. Va’ pure in giro a spiegare che disprezzi la maggioranza delle persone e poi accettane le conseguenze.

E invece no. La maggioranza non si deve permettere. La legge vi deve tutelare. La polizia deve mobilitarsi per difendere ogni esaltato che va in giro a sbandierare il suo odio per il prossimo. E se qualcuno fischia, sarà senz’altro un emissario del malvagio “pensiero unico” che, se posso articolare, credo sia questo: avete rotto i coglioni. Vi piace essere autoctoni? Bravi, fate gli autoctoni a casa vostra, non disturbatevi a venire fin sotto casa mia.

Segui Leonardo su The Vision | Facebook
Seguici anche su:
Facebook    —
Twitter   —