Perché rimandarli tutti a casa loro è una promessa impossibile

Quando il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha annunciato lo spostamento di 42 milioni di euro dalla voce “accoglienza e integrazione” a quella “rimpatri”, le urla di gioia e giubilo dei suoi più fedeli sostenitori sono probabilmente arrivate fin dall’altra parte del Mediterraneo. Il Giornale ha parlato della svolta decisiva contro le politiche “buoniste” della sinistra; Libero di una mossa “mai fatta prima”, un piano “duro e articolato”, “un fiume di denari” che finalmente viene destinato a mettere la parola fine all’odiosa “pacchia” in cui hanno vissuto i migranti irregolari fino a oggi. Sembrerebbe che con questi 42 milioni di euro Matteo Salvini riuscirà a compiere, una per una, tutte le 500mila espulsioni promesse nel contratto di governo.

Peccato che di articolato o concreto nelle annunciazioni di Salvini ci sia poco. Innanzitutto, non è chiaro a cosa si riferisca con “rimpatri volontari”: per quelli a seguito di espulsione non c’è nulla di volontario, bensì l’accompagnamento coattivo alla frontiera; se invece si riferisse alla concessione di un termine temporale per la partenza – che anche in questo caso non avrebbe nulla di spontaneo o volontario – sarebbe difficile immaginare che tutte le 500mila persone che il ministro spera di espellere abbiano anche le risorse economiche per provvedere da sole al viaggio di ritorno. Specialmente quando si tratta di migranti appena sbarcati, o di persone ancora in attesa di essere messe in regola, e quindi poter trovare un impiego. Un’altra opzione ancora è che si riferisca ai Ritorni volontari assistiti, un progetto finanziato dall’Organizzazione internazionale per le migrazioni per permettere a cittadini stranieri che ne facciano espressa richiesta di rientrare in patria. Si tratta, come è ovvio, di pochissimi casi (ci si aspetta circa 3mila richieste nel 2018), in cui l’organizzazione intergovernativa si premura di coprire le spese per il viaggio e il finanziamento di un’attività di studio o lavoro della persona in oggetto. Anche volendo dare al ministro il beneficio del dubbio, le spiegazioni più probabili sono che semplicemente Salvini utilizzi il termini “volontario” in modo improprio – inconsciamente, di certo –  o che aggiunga di proposito il riferimento magico alla volontarietà per limitare le accuse di autoritarismo.

In ogni caso, i 42 milioni non possono certo essere considerati un tesoretto sufficiente all’obiettivo del leader della Lega, vista la spesa insormontabile che implicherebbe l’allontanamento di mezzo milione di stranieri dal suolo italiano. Secondo le stime dell’agenzia europea Frontex, il rimpatrio di un cittadino straniero nel suo Paese di origine costa in media 5.800 euro a persona. Christopher Hein, professore di legge e politiche migratorie alla Luiss di Roma, ci parla addirittura di 10mila euro in media. I rimpatri effettuati da tutti i Paesi dell’Unione messi insieme nel 2017 sono stati solo 150mila, con costi altissimi, che in alcuni casi sono arrivati anche a 90mila euro a migrante. Dunque, solo da un punto di vista delle spese per il viaggio, mandare a casa 500mila persone ci costerebbe dai 3 ai 5 miliardi di euro, salvo imprevisti che facciano lievitare ancora di più i costi. Con i soldi appena stanziati, ai quali una certa parte di Paese sta brindando come fossero manna dal cielo, potremo “finalmente liberarci” di 4.200 persone (se il costo fosse 10mila euro a persona), 7.241 (se usassimo in media 5.800 euro a migrante): dallo 0,84% all’1,44% degli allontanamenti promessi dal governo. Non basterebbero nemmeno a espellere i 46.992 migranti ai quali è stato negato l’asilo politico nel 2017.

Sempre ammesso e non concesso che questi soldi possano davvero essere utilizzati. Se, come dice lo stesso Salvini, si trattasse in-toto o in parte di fondi comunitari, il governo italiano non avrebbe nessuna facoltà di spostarli a suo piacimento, perché l’Unione europea li assegna ad hoc a progetti specifici, ai quali restano vincolati. Al contrario, se Salvini volesse fare ricorso alle casse dello Stato, risulta difficile immaginare da dove potrebbero venire fuori, anche tenendo in considerazione le altre dispendiosissime manovre previste dal contratto di governo giallo-verde. Neanche tra le spese prospettate per la gestione dei migranti – che secondo le previsioni del ministero dell’Economia e delle Finanze, per il 2018 sarebbero tra i 4,5 e 5 miliardi di euro – ci sarebbero. Come ci spiega Enrico di Pasquale, ricercatore esperto di immigrazione ed euro-progettazione, di questi soldi, almeno un miliardo di euro è dato “Da costi fissi indipendenti dal numero di sbarchi: prefetture, navi della Marina, etc.” Inoltre, continua, “I 170 mila richiedenti asilo attualmente presenti nei centri di accoglienza vanno comunque gestiti. Un potenziamento della spesa per i rimpatri, almeno nel breve periodo, andrebbe ad aggiungersi e non a sottrarsi.”

Un altro ovvio motivo per cui questi 42 milioni di euro, adesso, non serviranno ad aumentare in maniera significativa i rimpatri, è l’assenza di intese con i Paesi d’origine. Al momento, l’Italia ha accordi di riammissione con Tunisia, Egitto, Marocco e Nigeria, ai quali si aggiungono quelli stipulati dalla Commissione europea, che è recentemente scesa a patti anche con la Turchia e il Mali. Sono quindi comprese solo due delle prime dieci nazionalità, in termini di sbarchi, ovvero circa il 25% del totale: Nigeria e Mali. Paesi dai quali, per altro, ci sono ottimi motivi per voler fuggire, tant’è che i cittadini di questi due Paesi hanno rappresentato nel 2017 un quarto del totale richiedenti asilo. Mancano accordi con Eritrea, Guinea, Costa d’Avorio, Gambia e Sudan, gli Stati da cui sono arrivati la maggior parte dei migranti dall’inizio dell’anno.

Siglare nuove intese, impiegherebbe molto tempo, ma non solo: destrezza sul piano diplomatico e una spesa non indifferente, dovuta principalmente alla contropartita in termini di denaro che gli Stati di origine chiederebbero per riaccogliere i propri concittadini.Soldi che, a voler scegliere i giusti alleati in Europa, potrebbero essere spesi in condivisione. Ma Salvini non sembra di questo avviso, considerato che gli amici che si è scelto non hanno espresso nessun sentimento di solidarietà nei confronti  dei Paesi di approdo, né di responsabilità verso le promesse e i valori dell’Unione europea.

Un aspetto particolarmente divertente della vicenda è che, anche volendo fingere che tutti questi problemi non esistano, un particolare forse sfugge al capo della Lega – e al ministro  e vicepremier Di Maio, che ha dichiarato di dare pieno appoggio alle politiche migratorie del collega. Come calcolato in un articolo de L’Espresso da Fabrizio Gatti, per rimpatriare 500mila persone ci vorrebbero ventisette anni di voli andata e ritorno. Dev’essere per questo che Salvini ha promesso di governare per i prossimi 30 anni.

Necessario porsi inoltre qualche domanda su chi siano, e quanti siano effettivamente, gli irregolari di cui parla Salvini. Nei suoi 500mila, infatti, colleziona situazioni molto diverse tra loro.

L’istituto Ismu parla di 495mila persone al 1° gennaio 2017 senza regolare permesso di soggiorno: circa l’8% della popolazione straniera in Italia. Di questi però, il 23% circa sono rumeni e l’8% albanesi, che quindi non hanno nulla a che vedere con l’invasione africana che tanto preoccupa Salvini e i suoi elettori. Inoltre, come ci conferma anche il Dott. Di Pasquale, “Si tratta soprattutto di permessi di soggiorno scaduti e non rinnovati.” In questo numero verrebbero quindi conteggiate anche tutte quelle persone che, seppur perfettamente integrate, non hanno potuto rinnovare il documento di soggiorno perché hanno perso il lavoro a causa della crisi. È specialmente il loro allontanamento che dovrebbe preoccupare. Secondo una simulazione del 2017 fatta dal presidente dell’Inps Tito Boeri, con l’attuale diminuzione dei flussi migratori, per il 2040 l’ente previdenziale andrebbe a perdere 38 miliardi di euro. Per non parlare del fatto che gli immigrati regolari occupati sono 2,5 milioni, e rappresentano oggi il 10% di coloro che hanno un lavoro nel nostro Paese.

In ultima analisi, si potrebbe pensare che Salvini voglia destinare questi soldi, seppure insufficienti, alla chiusura delle pratiche degli ospiti dei Cpr, i Centri per il rimpatrio, che Salvini vorrebbe sigillare in barba alla garanzia dei diritti di persone che – forse occorre ricordarlo – non sono detenute e non hanno commesso alcun reato fino a prova contraria. In una relazione parlamentare d’inchiesta sul sistema dell’accoglienza, il precedente ministro dell’Interno dichiarava l’intenzione di incrementare il servizio offerto dai Cpr, portandolo a 1600 posti e istituendone uno per ogni regione – anche se molte ne hanno poi rifiutato la creazione sul proprio territorio. Incredibilmente, il rifiuto più netto è arrivato dalle istituzioni a guida leghista. Ad oggi, i Cpr sono 6 e hanno una capienza effettiva di 374 persone.

Il vero problema è che la percezione completamente falsata che gli italiani hanno della presenza straniera, è stata sì gonfiata dalla propaganda di Salvini, ma è frutto soprattutto della totale assenza di lungimiranza nella gestione del flusso migratorio. L’immigrazione è stata trattata sempre e solo dal punto di vista emergenziale, come spesso accade in Italia per fenomeni che emergenze non sono affatto. Il sistema dell’accoglienza è complesso, le procedure di smistamento sono lunghe e fallimentari, l’integrazione è sempre di più un miraggio. Ad esempio, come ci spiega il professor Hein, dei famosi 35 euro – che rappresentano il costo medio giornaliero per l’accoglienza dei richiedenti asilo nel sistema di protezione gestito dagli Sprar, e non soldi regalati ai migranti – non è dato sapere quanti ne vengano usati per i corsi di lingua Italiana. È per questo che i migranti, seppure presenti in numero nettamente minore rispetto ad altri Paesi, sono molto più visibili qui che altrove. Come dice al Berliner Zeitung, è questo il vero esplosivo sociale: l’emarginazione di gruppi di persone che, se integrate nella società, ne costituirebbero un’enorme ricchezza.

Segui Antonella su The Vision | Facebook
Seguici anche su:
Facebook    —
Twitter   —