Un “Questo lo dice lei” non farà diventare l’incompetenza un valore - The Vision

Nella comunicazione politica gli argomenti – ahimè – contano fino a un certo punto, spesso sono più efficaci i simboli, gli avvenimenti che si stampano nel cervello a un livello più profondo di quanto siamo disposti ad ammettere. È un simbolo, ad esempio, la foto di Salvini sulla ruspa, mentre sta per essere demolita una villa sequestrata ai Casamonica. La ruspa di Salvini ha la stessa funzione del cavallo bianco di Napoleone: si tratta del mezzo del condottiero, sopra cui farsi riconoscere dalla propria fanbase – che è anche il suo elettorato – e guidare il popolo che lo chiama Capitano.

Allo stesso modo è diventato simbolico lo scontro fra l’ex ministro delle Finanze Pier Carlo Padoan e la giovane pentastellata, nonché sottosegretario al ministero dell’Economia, Laura Castelli. In questo scambio si ritrovano tutti gli elementi della narrazione “antisistema” che ha fatto la fortuna del M5S.

Qualche giorno fa, ospiti a Porta a Porta, Padoan e la Castelli si sono ritrovati a commentare la situazione italiana dello spread, che, dopo la bocciatura dei conti italiani da parte dell’Unione europea, viaggiava stabilmente oltre i trecento punti. Mentre Padoan ricorda che prima delle elezioni di marzo lo spread era attorno a 120 punti, l’interlocutrice lo interrompe rinfacciandogli le sue parole. Per il sottosegretario la situazione dello spread non incide sul tasso d’interesse dei mutui, e a favore dell’argomentazione porta un grafico de Il Sole 24 Ore. Quando Padoan fa per ribattere, la giovane grillina liquida ogni possibile risposta con un lapidario “Questo lo dice lei!” e subito dopo con un provocatorio “Dire queste cose in tv è terrorismo”. Discorso chiuso, Vespa non fa ulteriori domande, non chiede alla Castelli di chiarire, Padoan non può replicare. Poco importa se i dati restano poco opinabili, se l’economia è una scienza fatta di causa e effetto.  La comunicazione grillina diventa efficace quando si evita il contraddittorio, perché scendere nel dettaglio significherebbe trovare crepe importanti nelle argomentazioni dei pentastellati. Solo in un clima di laissez faire la narrazione parallela dei 5 Stelle può dirsi efficace e avere effetto su quella parte di elettorato che la assurge a verità assoluta.

Pier Carlo Padoan

Così è toccato allo stesso Sole 24 Ore spiegare come il sottosegretario abbia frainteso ciò che era scritto nell’articolo, ovvero che lo spread non influenza il rincaro dei mutui – vero – ma solo sul breve periodo. Al contrario, sul medio termine è una delle cause principali di fluttuazione dei tassi. Colpisce che un politico (che si presume) di alto profilo visto il ruolo di sottosegretario all’economia, debba affidarsi a un articolo letto poche ore prima, come a puntellare un sapere zoppicante; e per di più che fraintenda quel che legge. L’intervento è stato subito bersagliato dalle prevedibili battute sul web, ma la grillina non ha fatto un passo indietro, ritornando sull’accaduto e dichiarando: “Non è che perché uno ha studiato più di un’altra, quello che ha studiato ha per forza ragione”. Per questo ha continuato a sostenere la sua bizzarra tesi sullo spread, una versione già accreditata come verità ufficiale dal blog del Movimento.

Tocchiamo qui un nodo centrale del discorso grillino: da una parte abbiamo un professore di caratura internazionale, nonché economista dell’Ocse, dall’altra una persona con minore esperienza e una laurea triennale in economia aziendale. Ma quello che sul piano delle competenze appare come un palese mismatch, nella narrazione deviata dei grillini ridefinisce il ruolo dei due attori in gioco: Padoan diventa un vecchio tecnocrate simbolo della casta europeista, Laura Castelli assume i tratti di un’onesta e giovane cittadina in grado di salvare il mondo dai “saperi oscuri”, armata di buona volontà, e poco altro. Il “questo lo dice lei”, scagliato come un anatema contro tutti i discorsi suffragati da plausibili basi tecnico/argomentative, diventa l’arma principale di una classe politica che sta cercando di polverizzare ogni discorso sulla meritocrazia e la competenza a colpi di populismo.

Laura Castelli

Nella realtà parallela dei 5 Stelle “questo lo dice lei” ha anche una doppia valenza: se da un lato può essere usato per screditare le tesi altrui, è perfetto per legittimare qualsiasi discorso si voglia portare avanti. Diventano così accettabili, “perché lo diciamo noi”, le tesi complottiste del sottosegretario all’Interno Carlo Sibilia, sono giustificabili le boutade grossolane del ministro per il Sud Barbara Lezzi, sono viste come spiegazioni plausibili – a un serio quesito sui vaccini – le argomentazioni da parrocchia del capogruppo al Senato Paola Taverna. Non stupiamoci se le piazze si riempiono di manifestazioni no-vax, o se nella rete si rincorrono, lasciando traccia anche sul blog di Beppe Grillo, le bufale terrapiattiste. La progressiva erosione del concetto di verità e autorità – un giorno attaccando i giornalisti, un giorno mettendo in dubbio il valore legale della laurea – diventa uno scudo dietro cui nascondere la propria incompetenza, e governare senza che il fastidioso giogo dell’informazione rischi di smascherarlo.

Carlo Sibilia
Paola Taverna

Laura Castelli è diventata deputata nel 2013 a soli 27 anni, un risultato che potrebbe denotare una grande brillantezza, o forse solo una gran fortuna. In effetti il curriculum della Castelli non appare così speciale da giustificare un’ascesa tanto repentina. È bastata una laurea in economia aziendale per ritrovarsi al vertice del ministero dell’Economia, come a Danilo Toninelli è bastato un passato da assicuratore per guidare il ministero delle Infrastrutture. I pentastellati hanno sdoganato l’incompetenza al potere, forse c’era un pizzico di verità nelle parole dell’ex ministro del Lavoro Giuliano Poletti: per trovare un’occupazione bisogna giocare a calcetto con le persone giuste. Luigi Di Maio e Laura Castelli non hanno giocato a calcetto, ma hanno familiarità con l’ambiente da stadio. Il primo camminava per le gradinate del San Paolo in veste di steward, la seconda faceva l’addetta alla sicurezza al Comunale di Torino. Ora Di Maio cerca di trovare la quadratura dell’astrusa legge sul reddito di cittadinanza, mentre la Castelli amministra i conti pubblici: niente di così rassicurante. Sarà che Laura Castelli, in fin dei conti, è stata sempre una politicante: per anni ha fatto la portaborse ai politici della regione Piemonte, ora si ritrova al secondo mandato in Parlamento.

Ciò che preoccupa di questo dilettantismo, ciò che rischia di renderlo pericoloso, è la manifesta arroganza e la sicumera che porta una Laura Castelli a dire che qualcuno che ha studiato di più non per forza ha ragione. E un’affermazione del genere è legittima, ma in questo caso sembra più che altro un modo per difendere la debolezza del proprio curriculum, condito di strafalcioni e dichiarazioni discutibili. Lo scorso febbraio, ospite al convegno dell’Ordine dei Commercialisti, aveva infatti ammesso di aver praticato la professione senza essere iscritta all’albo. Non il miglior biglietto da visita di fronte a una platea di seri professionisti. A risposta dei brusii del pubblico, la giovane – in evidente stato confusionale – ha dovuto sillabare che in passato aveva lavorato al Caf. Se il curriculum lavorativo della deputata torinese appare debole, quello delle gaffe è invece ricco di esperienze. A ottobre, con il reddito di cittadinanza in via di definizione, la novella economista dava indicazioni confuse e piene di lacune sulle modalità di erogazione. A dicembre dell’anno scorso, in pieno clima antieuropeista, affermava di non sapere se avrebbe votato sì o no a un possibile referendum sull’uscita dell’Italia dell’Euro: è chiaro che non si era preparata la risposta.

La propaganda grillina, e in parte quella leghista, si è sempre retta sulla componente antisistemica: da una parte i tecnocrati e i “professoroni” della casta, dall’altro il popolo unito nella lotta contro le istituzioni incancrenite. Il problema è che il gioco ha funzionato fin quando il partito era all’opposizione, una volta salito al potere, teoricamente non avrebbero dovuto esserci ulteriori scuse. In verità, il discorso dei grillini è riuscito a rinnovarsi, a trovare nuovi nemici verso cui lanciare strali, per distogliere l’attenzione dalle proprie difficoltà. Nemici che a turno si siedono sul banco degli imputati: un giorno è l’Unione europea che impedisce le manovre finanziare, un altro sono i privati che pensano solo al profitto, come la famiglia Benetton, e che mandano all’aria le infrastrutture di questo Paese. Quando si raschia il fondo del barile si arriva a compilare le liste dei giornalisti  “buoni” e “cattivi”, rei di diffamare la santità del Movimento.

In un clima del genere, in cui la cultura viene costantemente denigrata, una giovane con toni irrispettosi può impunemente negare le tesi di un professore, e continuare a sbandierare, rivendicandola come valore, la propria immotivata convinzione sul tema anche nei giorni successivi. “Questo lo dice lei” è l’espressione della nuova classe dirigente. Sarà difficile salvarsi da gente così, questo lo diciamo noi.

Segui Giovanni su The Vision
Seguici anche su:
Facebook    —
Twitter   —