L’insopportabile ipocrisia di chi ieri faceva l’anti-casta e oggi è la Casta - The Vision

Non è facile smettere i panni degli urlatori, camuffare la natura di chi nasce per andare contro qualcosa o qualcuno, e non per costruire. Così la Lega e il M5S, volenti o nolenti, si sono ritrovati a svolgere un ruolo che rappresenta un unicum nella storia politica italiana degli ultimi decenni: continuare a essere forze d’opposizione, pur essendo al governo.

Se per anni il filo conduttore della narrazione si è ridotto a una lotta senza quartiere contro “il sistema”, viene spontaneo far luce su una propaganda che continua imperterrita, nonostante adesso il sistema siano loro. La funzione dell’anti-establishment si esaurisce quando si passa dall’altra parte della barricata. La storia ci insegna che, in gran parte dei casi, le forze rivoluzionarie che rovesciano una dittatura, poi ne instaurano un’altra. In questo contesto, Lega e M5S non sono una forza rivoluzionaria, quanto più un rigurgito da tastiera o un semplice e democratico voto di protesta. Ma soprattutto, non hanno defenestrato nessun dittatore. In caso, utilizzando un termine che hanno usato e abusato brandendolo come un’arma, hanno sostituito un’ipotetica vecchia casta con un’altra. La loro.

Ricordiamo tutti le filippiche contro le spese folli, l’incontro tra morale e retorica dietro il punto: “usate i soldi della gente”. Ecco, la nuova casta si è presto adeguata. Una volta insediato al Viminale, Matteo Salvini ha assunto come collaboratori tutti membri del suo team di comunicazione, aumentando loro lo stipendio. Con i “nostri soldi”, ovviamente. I post di Salvini che mangia Nutella o le invettive contro il clandestino di turno, “le paghiamo noi”. Per l’esattezza mille euro al giorno, come spiega un’inchiesta de LEspresso. Sul versante Cinque Stelle la musica non cambia. Il ministero che spende più soldi (pubblici) è quello per lo Sviluppo Economico, con a capo Luigi Di Maio. Per viaggi, missioni ed extra, l’esborso arriva a 76,5 milioni di euro, che diventano 86,5 se si aggiungono le spese del Ministero del Lavoro, sempre in mano a Di Maio. Alla faccia dei viaggi in seconda classe.

La promessa di battersi contro l’occupazione coatta delle posizioni di potere, di quei ruoli chiave nelle aziende statali e nelle istituzioni, non è stata ovviamente mantenuta. Se prima la lottizzazione della Rai era una piaga da contrastare, adesso mettere Marcello Foa al vertice della televisione  pubblica è diventata la più naturale delle mosse. Non solo un uomo che gira palesemente nella loro orbita quindi, ma anche uno avvezzo alla diffusione di bufale e complotti di bassa lega. Allo stesso modo, è naturale posizionare alla direzione delle reti e dei telegiornali figure amiche. Inoltre, il figlio di Foa è stato assunto nello staff di Salvini, ed è il paradigma di un clientelismo non più celato, ma rivendicato con orgoglio. Il M5S non si è limitato a piazzare gli uomini di fiducia, vuole anche controllare gli argomenti da trattare. Ha chiesto infatti per la Rai una Commissione per la divulgazione scientifica, per selezionare i temi da trasmettere attraverso il servizio pubblico. Salta all’occhio anche la proposta di confinare Fabio Fazio su Rai3, togliendogli la prima serata sulla rete ammiraglia, in seguito ad anni di forti critiche sul web, sia da parte dei Cinque Stelle che della Lega. Si scrive ricollocazione, si legge editto bulgaro.

Fabio Fazio

Il vento gialloverde non si è limitato a soffiare sull’azienda di Viale Mazzini. Hanno accompagnato alla porta Mario Nava della Consob, costretto alle dimissioni dopo le pressioni di Lega e M5S, hanno messo il fiato sul collo di Cristiano Cannarsa, amministratore delegato della Consip con il “difetto” di essere stato nominato da Matteo Renzi, e, soprattutto, sono allo scontro frontale con Tito Boeri, presidente dell’Inps. Boeri aveva mosso delle critiche riguardo le risorse per la quota 100 sulle pensioni, causando la reazione stizzita di Salvini, che ha dichiarato: “Boeri si dimetta e poi si candidi in politica”. Lo stesso Boeri che era entrato in conflitto con Renzi su diversi fronti, a partire dal Jobs Act. All’epoca Lega e M5S presero le due difese, nel gioco politico delle parti. Adesso vogliono la sua testa. Come gira il mondo.

A Novembre, il presidente dell’Agenzia spaziale italiana Roberto Battiston, rieletto a maggio e con un mandato che sarebbe scaduto nel 2022, ha ricevuto una telefonata dal ministro Bussetti, che gli ha comunicato la revoca immediata dell’incarico. Battiston ha parlato di “primo spoil system di un ente di Ricerca”. Qualche giorno dopo, la ministra Grillo ha rimosso tutti i componenti di nomina del Consiglio superiore della sanità, scelti l’anno prima ai tempi di Lorenzin. Tra questi Roberta Siliquini, che era stata eletta alla presidenza per acclamazione. La ministra Grillo si è giustificata dicendo: “Ho deciso di dare un segnale di discontinuità rispetto al passato. Siamo il governo del cambiamento, è tempo di dare spazio al nuovo”. Cioè ai loro uomini.

Roberto Battiston

È ancor più fresca la notizia delle dimissioni di Walter Ricciardi dalla presidenza dell’Istituto superiore di sanità. Ricciardi era in conflitto con  il governo sui temi dell’assistenza sanitaria ai migranti, dello smaltimento dei rifiuti e dei vaccini. Così come Stefano Vella, che ha già lasciato la presidenza dell’Agenzia del farmaco, in contrasto con la politica sull’immigrazione del nuovo esecutivo. Trattandosi di spazio e sanità, e soprattutto conoscendo certe deviazioni che hanno caratterizzato il passato del governo gialloverde, l’augurio è quello di non ritrovare nei nuovi esecutivi orde di terrapiattisti, cacciatori di scie chimiche e no-vax.

La nuova casta prevede inoltre la demonizzazione di svariate categorie (giornalisti, politici avversari, l’Europa come entità astratta) per mantenere lo status di opposizione, e cioè mostrare al popolo la lunga scia di una battaglia che non si conclude una volta ottenuta la vittoria elettorale. Non a caso continuano a fare manifestazioni in piazza, oppure insistono nell’attaccare i politici del passato come se fossero ancora al comando. Perché una volta creato il nemico, la sacca del boxeur resta utile per ogni stagione. Non è possibile rinnegare un’avversione o cambiare i connotati della propria identità: forze distruttrici erano, forze distruttrici rimangono. Dunque la campagna elettorale continua, diventa permanente, sposta la politica dai luoghi abituali (un Parlamento che sta diventando un simulacro inutile) a quelli a loro cari, cioè l’arena della rete. Un intervento in Parlamento è meno efficace di una diretta su Facebook: è questa la logica che muove la loro strategia comunicativa.

A Cernobbio, sul Lago di Como, si riunisce ogni anno il gotha dell’economia e della finanza. In passato Salvini aveva commentato: “Cernobbio? Mi sembra il concerto sul Titanic”. Non poteva che prendere le distanze dai burocrati e dagli economisti in giacca e cravatta, lui che ha sempre millantato una vicinanza al popolo delle tute e delle felpe. Quest’anno, al Forum Ambrosetti, a Cernobbio, come rappresentante del governo è arrivato Salvini. Proprio lui. Potremmo definirla “la punta dell’iceberg” di una trasformazione inevitabile, l’incongruenza che diventa ordinarietà e convenienza. D’altronde, certi vezzi del passato continuano a segnare il passo del nuovo esecutivo. Rocco Casalino che prende uno stipendio spropositato, il governo che ricorre più volte alla fiducia, nonostante le feroci critiche lanciate in passato proprio contro questa modalità, e tutti quei compromessi che fanno parte della politica sin dall’alba dei tempi (i Cinque Stelle hanno evidentemente scoperto l’esistenza delle clausole solo nel 2018). Tutto deve cambiare perché tutto resti come prima: è il paradosso gattopardiano che si incolla alle viscere gialloverdi come una condanna. O un’ovvietà.

Per un movimento idealista senza ideali (i Cinque Stelle) e un partito patriottico senza patria (a meno che non si voglia considerare la Padania una nazione, la Lega), trovarsi immersi nel sistema fino al collo è la peggiore punizione che potessero affrontare. Risultare dei credibili ribelli dalla stanza dei bottoni è compito arduo. Loro darebbero un rene per far passare il messaggio: “Siamo l’umore del popolo che prende il potere, come se i gilet gialli conquistassero l’Eliseo”. Ma non è così. Il loro governo è farcito di personaggi che rappresentavano il sistema (quello che volevano combattere) già da quando Salvini era seduto su un banco di scuola e Di Maio non era nemmeno nato. Basti pensare a Paolo Savona, fatto passare per rivoluzionario ma per decenni a capo delle più importanti multinazionali, nonché a stretto contatto con Berlusconi.

Si rassegnino: non sono più (o non sono mai stati) la chiave per aprire la scatoletta di tonno, o qualunque altra metafora fantasiosa abbiano voluto usare. Adesso sono il potere, un ruolo che a quanto pare gli piace parecchio.

Segui Mattia su The Vision | Facebook
Seguici anche su:
Facebook    —
Twitter   —