Come “Amore tossico” ha raccontato un nuovo tipo di sottoproletariato