La creatività è un aspetto sacro della vita dell’essere umano, poter creare qualcosa dal niente con consapevolezza è unico della nostra specie e molto probabilmente il solo immaginare di poterlo fare ha aiutato la nostra evoluzione. Ma quando la creatività diventa arte? Questa è una domanda difficile a cui non c’è una risposta rassicurante. Quello che sappiamo con certezza, però, è che esiste una vibrazione sottocutanea che in un caso ti fa contorcere le viscere e nell’altro esclamare “fico”. E basta. Quindi: non sappiamo precisamente cos’è, ma sentiamo che c’è. Credere nell’arte diventa così un atto di fede, ma sono certa che, a prescindere, ci troveremo più o meno tutti d’accordo nel dire che non possiamo definirci tutti artisti, come non possiamo definirci tutti Dio (che poi anche sì, secondo alcune filosofie orientali… ma ora seguite la mia semplice metafora cattolica-figurativa altrimenti non ne usciamo vivi).

Eppure, nonostante le opere di grandi artisti – come Michelangelo, Beethoven, Shakespeare, Dante o più recentemente Lynch, Bowie, Abramović, BoJack Horseman – lascino ancora la loro eco negli animi, una buona fetta della popolazione mondiale si autodefinisce “artista” e reclama con veemenza il suo posto nell’olimpo, spesso lamentandosi di non ricevere la meritata attenzione e di non riuscire a vivere delle proprie creazioni, come se questo gli fosse un privilegio dovuto. Come reagire a tanto autocompiacimento?

Siccome non sappiamo definire con certezza che cosa sia l’arte, forse dovremmo riflettere un momento su cosa voglia dire essere un vero artista o, per facilitarci il compito, su cosa l’artista non è. La prima cosa che mi viene in mente è che l’artista non è l’arte, hanno solo la stessa radice. Il suo ruolo è di veicolarla, non di impersonificarla, con buona pace di Oscar Wilde: “Life [is not] a work of art”. Non voglio deludere i neodiplomati ambiziosi, ma studiare nelle migliori scuole di arte figurativa, musica, scrittura creativa e teatro non farà di voi degli artisti, né colorare coi pastelli tanti bei mandala, né cantare in cameretta le canzoni di Taylor Swift per poi metterle su YouTube, e neppure uscire la domenica con la reflex al collo, o scrivere poesie sul cambio delle stagioni. Così come non è arte dipingersi le unghie con arabeschi di glitter, creare gioielli con pneumatici o posate, partecipare a un concorso di cortometraggi, vincere un concorso di cortometraggi, ballare nudi bendati in una live performance dopo essersi inzuppati nell’acrilico fucsia, andare al karaoke tutti i sabato sera, fare una personale al locale (ovviamente hipster) sotto casa, girare un video rap ai giardinetti, ma soprattutto – soprattutto – desiderare, per quanto fortemente, di essere un artista non farà necessariamente di voi un artista. Già. E Babbo Natale non esiste.

La presunzione di diventare i messaggeri del bello rischia di allontanarci dal vero senso liberatorio e spirituale dell’arte, proiettandoci in un autocompiacimento creativo alimentato da n like, in una società post-spettacolare che ci continua a coccolare nell’illusione che chiunque possa essere in grado di contribuire in una maniera significativa al nostro patrimonio artistico. Dalla famosa citazione di Warhol: i tanto sperati 15 minuti di fama sono ormai stati travolti dalla ricerca dei 15 mila like, e forse anche lui stesso sarebbe impallidito davanti a tanta voracità mediatica.

Tutto ciò ha contribuito a creare una generazione depressa di “figli unici” che, tronfi di complimenti per il loro spirito creativo e incitati alla strada del successo artistico, si sono illusi di poter fare delle loro creazioni la loro vita e di poter vivere coi loro sogni. Questi (per lo più membri della the thirty something gang, o quasi) prigionieri delle loro aspettative, svolgono così il loro lavoro quotidiano in perenne agonia, vivendo come sotto una crudele dittatura, sempre più sprofondati nel ruolo di vittime, sognando il giorno in cui potranno finalmente riscattarsi e ricevere la giusta ricompensa per il loro estro creativo, o meglio, per il loro stesso essere. Una medaglia al valore. E via al conflitto costante tra ciò che sei e ciò che vorresti essere.

Credo che la colpa risieda nell’attuale tendenza della società a spingere a un’esagerata valorizzazione della creatività del singolo, ingannandoci e convincendoci che essere ufficialmente riconosciuti “creativi” dagli altri e mettere in mostra le nostre creazioni ci dia una marcia in più e ci faccia salire di importanza nella scala sociale. Ma in quanto esseri umani tutti siamo creativi, in un modo o nell’altro; la biologia è dalla nostra, e del resto anche certi animali lo sono (dovreste vedere l’ipnotica danza del ragno pavone). Creare arte è tuttavia un’altra cosa, una cosa che non si può progettare a tavolino.

Spesso il creare diventa più importante del saper vedere o ascoltare l’opera, ormai diventata “prodotto” e quindi, come ogni prodotto, consumata con ingordigia dal sistema. Sui social e sulla rete in generale rischiamo di disimparare a sentire quella vibrazione sottopelle che ci faceva distinguere un Caravaggio da un semplice bel quadro. Siamo più interessati a produrre e a farci spazio nel magma di immagini e suoni che a percepire; le nuove leve di creativi sembrano troppo proiettate verso la produzione in serie di elementi decorativi e consumabili, considerati “carini” dai più, così da poter alimentare la loro sicurezza e il loro autoproclamato status di artisti. O come risposta opposta, ma altrettanto vacua, troviamo ancora centinaia di opere estremamente cerebrali che rifiutano la ricerca estetica, ma nascondono la presunzione di aver capito il mondo e volerlo spiegare, spesso totalmente impenetrabili a chi non ha studiato la storia dell’arte, così da creare ancora un livello di distacco in più tra gli artisti e “gli altri”.

Detto questo, esprimersi è fondamentale per l’essere umano ed è bellissimo condividere ciò che creiamo con altre persone, ma sarebbe bello tornare a farlo solo per il piacere di farlo e non per un ultimo goal che nasconde il desiderio di essere riconosciuti come speciali. Siamo tutti speciali (e quindi nessuno lo è), ma non possiamo essere tutti sul palco, almeno non tutti contemporaneamente. Smettiamo di considerarci artisti solo perché creiamo delle cose, siamo umani e siamo tutti creativi e a volte, se gli astri sono dalla nostra, potrà capitare che dalle nostre mani, bocca, piedi, uscirà qualcosa che si staccherà da noi e, sì, diventerà arte, e ce ne accorgeremo perché vivrà di vita propria e non avrà più bisogno di noi, di essere alimentata dal nostro ego per esistere.

Segui Silvia su The Vision | Twitter