La nave anti-ONG Defend Europe è affondata in un mare di sfiga - The Vision

Quando l’altro giorno su Libero ho ritrovato Lorenzo Fiato e i suoi amici di Defend Europe ho ripensato alla storia di Ulisse, e a quanto a Omero piaceva raccontarsela. Il loro profilo Twitter è inattivo da un mese, ed era da un po’ che non ne sentivo parlare. C’era di che preoccuparsi. Fiato è un vero Ulisse del mediterraneo contemporaneo. Non ci credete? Sentite cosa scrive su Libero un tizio che non è Omero, ma si sta attrezzando: “Hanno fermato gli scafisti, l’immigrazione clandestina e le ONG, e sono appena otto ragazzi. Per questo li hanno definiti ‘pirati’ o ‘fascisti’ ma oggi l’equipaggio di Defend Europe può dirsi vincitore. A bordo della loro C-Star hanno svelato i lati oscuri e, forse, gli affari delle Organizzazioni non governative attive nel salvataggio dei migranti”.

Lorenzo Fiato

Otto ragazzi, pensate. Otto giovani a bordo di una nave hanno “svelato i lati oscuri” delle ONG, e hanno vinto! In effetti Fiato sembra reduce da una specie di tour: il 23 settembre era a Roma, il 24 a Lucca, il 30 a Volpago del Montello, sta viaggiando più adesso di quando era in mare. E anche Libero, per quel che può, li aiuta a propagare la novella: il Mediterraneo era in mano a dei subdoli scafisti e alle ONG, poi sono arrivati otto bravi ragazzi e adesso è tutto a posto.

Allora mi è venuta la curiosità di sapere cos’era successo ai marinai cingalesi.

Sì, perché su quella famosa nave C-Star che appena due mesi fa era ancora in giro per il Mediterraneo a ostacolare le ONG, il vero personale di bordo era costituito per lo più da marinai originari dello Sri Lanka. Lo sappiamo perché già a Suez, l’estate scorsa, la loro presenza aveva creato qualche problema. A fine luglio, a Cipro, il capitano era stato fermato dalle autorità con l’accusa pensate di human trafficking – sì, traffico di esseri umani.

Ecco. Oggi che la missione è finita e gli otto ragazzi vanno in giro raccontando di aver salvato l’Europa, che ne è dei cingalesi?

Ho cercato un po’ e pare che si trovino nel porto di Barcellona, sempre a bordo della C-Star che non può attraccare e sbarcarli. Ogni tanto la Guardia Civile e la Croce Rossa catalana portano acqua dolce e provviste. I cingalesi hanno dichiarato la loro intenzione di tornare in Sri Lanka, ma per farlo dovrebbero scendere dalla nave e l’armatore non ha intenzione di pagare la tassa di sbarco. Così restano lì, fuori dal cono di luce dello storytelling. E dire che senza di loro la C-Star non si sarebbe mossa da Gibuti, e l’Europa chi l’avrebbe difesa? Beh, probabilmente qualcun altro si sarebbe trovato, a un prezzo anche inferiore, bengalesi battenti bandiera bhutaniana, ad esempio. Si trova sempre qualcuno a questo mondo.

Ma forse è meglio che procediamo con ordine, noi che Omero decisamente non siamo. Cos’è la C-Star? Una nave battente bandiera mongola affittata da Defend Europe. E che cos’è Defend Europe? Un’iniziativa di contrasto all’immigrazione promossa da Generazione Identitaria. Ah, ok, aehm… e che cos’è Generazione Identitaria? Il ramo italiano di un’associazione europea radicata soprattutto in Francia, o perlomeno i corsi estivi li fanno laggiù. Si dichiarano “apartitici” e vogliono difendere la nostra identità dagli immigrati, che evidentemente ne sono ghiotti. Qui si potrebbe anche ironizzare sul fatto che per difendere la nostra identità italiana Fiato e compagnia debbano andare a prendere lezioni estive in Francia. Ci siamo ridotti a importare perfino la xenofobia, ma va beh, andiamo avanti. Qualche mese dopo Defend Europe promuove un crowfunding per acquistare una nave. Era il periodo in cui la Mondadori stava pubblicizzando il nuovo libro di Giordano, Profugopoli, con quel video pseudo-virale in cui uno youtuber scopriva da solo (con un’app da 400€) che le ONG si erano messe a salvare i migranti a poche miglia nautiche dalle coste africane. E che male c’è? C’è che se li salvi subito ne muoiono molti meno. A molti questo è sembrato uno scandalo.

Il tizio del video è un altro bell’esempio di storytelling contemporaneo: un bravo ragazzo che in camera sua con un’app scopre un complotto mondiale (e ne approfitta per reclamizzare un libro Mondadori). Durante questa fase di demonizzazione delle ONG, che ha preceduto la dottrina Minniti, Defend Europe comincia a spargere la voce che vuole comprare una nave e andare a far luce sui turpi commerci delle ONG. Malgrado Paypal blocchi l’operazione, alla fine gli identitari affermano di aver raggranellato 150mila euro: non abbastanza per comprare una nave, sufficienti però ad affittare quella di un armatore anglo-svedese, Tomas Egerstrom, il quale secondo Famiglia Cristiana ha anche fornito agli identitari le guardie del corpo: ex ufficiali ucraini e russi. Non è chiaro se Fiato si riferisse a loro, quando raccontava che sulla nave c’erano “persone preparate che possono fornire un primo soccorso”.

Verso il 20 luglio la nave arriva a Suez, dov’è trattenuta qualche giorno dalle autorità egiziane per accertamenti. Se in un primo momento gli identitari programmavano di imbarcarsi a Catania (dove un’attivista americana si è sparata parecchi selfie nell’attesa), alla fine la nave preferisce fare a tappa a Farmagosta, zona turca di Cipro, oltre i confini UE. Qui il capitano viene fermato, abbiamo visto, con l’accusa di aver portato sulla soglia dell’Europa un equipaggio di immigrati cingalesi. Per Defend Europe si tratta di una voce messa in giro da non meglio identificate ONG. Sarebbero state infatti quest’ultime a istruire i cingalesi scesi a terra: accusate il vostro capitano e noi vi sbarchiamo da qualche parte. Comunque, nel giro di pochi giorni le accuse vengono ritirate e la nave riparte. L’odissea prosegue con un contrattempo che più di altri ha fatto divertire i detrattori di Defend Europe: quando la nave si ferma per un problema tecnico, la nave di una ONG si offre di soccorrerla (offerta rifiutata).

Marco Minniti

Finalmente, verso la fine d’agosto, la C-Star si ritrova nei pressi della costa libica. Ma ormai è troppo tardi: il governo italiano, tramite il ministro Marco Minniti, nel frattempo ha preso accordi col governo provvisorio della Libia occidentale, il quale ha annunciato la creazione di una “zona di sicurezza” oltre le acque territoriali libiche. La “zona” è già controllata da una banda eterogenea di vigilantes del mare (alcuni con un passato da scafisti) che si autodefinisce “Guardia Costiera Libica”, e accoglie le navi delle ONG con spari a salve. Alle poche navi ancora operative, gli otto della C-Star oppongono un’arma segreta: il megafono. Si accostano e fanno un cazziatone. Quando possono riferiscono alla Marina libica. Gli Omero di turno nelle redazioni sono entusiasti. “C-Star e Libia cacciano la Ong: «Non dovete tornare mai più»”, titola Il Giornale il 22 ottobre. Basta dare un occhio al video per per capire che “non dovete tornare mai più” lo dice un capitano libico: i ragazzi della C-Star si limitano a orecchiare alla radio. Dopo cinque giorni la missione è già finita: l’identità, evidentemente, è salva. La C-Star fa rotta a Malta, dove viene accolta con la stessa diffidenza riservata alle navi delle ONG. Gli attivisti e simpatizzanti di Defend Europe hanno speso più di centomila euro per mandare otto ragazzi in gita su una nave con un equipaggio asiatico e una scorta armata.

Ma anche Ulisse, quello vero, magari quando arrivò a Troia la trovò già espugnata dal noioso Minniti di turno. Non è poi che abbia tutta questa importanza. Tra un po’ si va a votare e l’idea che l’emergenza scafisti sia stata risolta da un ministro di centrosinistra senza troppi scrupoli è imbarazzante per tutti. Non è molto meglio immaginare una ciurma di impavidi ventenni impegnati a difendere la nostra identità per terra e per mare? Ogni epoca ha l’odissea che si merita.

Segui Leonardo su The Vision
Seguici anche su:
Facebook    —
Twitter   —